/
/
il buon olio di frantoio
a casa tua
MENU
ACCOUNT
Blog
Azienda
Contatti
SEGUICI facebook Olio Bonamini instagram Olio Bonamini

Come riconoscere un buon olio extravergine di oliva?

Come riconoscere un buon olio extravergine di oliva?

E’ vero… A tutti noi farebbe sicuramente comodo avere uno specchio delle brame che sapesse dirci se l’acquisto che stiamo per fare, sarà un successo o meno.
Provate solo ad immaginare la scena… siete davanti ad uno scaffale pieno di quello che all’apparenza sembra essere tutto buon olio EVO, ma arriva il dilemma: quale scegliere?
Si è sempre attratti dai mille particolari che ci circondano, che sia l’etichetta colorata, il prezzo su cui ragionare o semplicemente il nome del prodotto; si è, infatti, arrivati ad un punto in cui anche solo scegliere quale olio extravergine portare a casa risulta essere una missione alquanto ardua. Quindi recitare la solita tiritera “Specchio, specchio delle mie brame…” e avere subito le risposte alle domande che più ci perseguitano sarebbe un lusso.

Ma ahimè, non abbiamo questa possibilità e la scelta dell’extravergine perfetto deve quindi basarsi su alcuni punti cardine del mondo dell’olio di oliva. Anche perché, bisogna ammettere, che non è necessariamente vero che un olio basta che sia extravergine per essere “buono”, anzi ogni prodotto ha una sua identità e, in questo caso, le variabili sono infinite.

Imparare a conoscere e a RIconoscere un buon olio extra vergine di oliva e tutte le sue caratteristiche è un’attenta arte che va messa da parte. Basterà seguire brevi e semplici accorgimenti, che permetteranno a tutti voi di sopravvivere a quella “giungla” che è la vita commerciale, sfruttando a pieno i benefici del classico olio d’oliva extravergine, alleato del gusto e della salute.

Seguite con noi tutti gli step su “Come riconoscere l’olio extravergine” o più semplicemente, “Come riconoscere l’olio buono”:

    1. 1. Partiamo in primis dall’esterno, arriveremo poi al cuore della situazione.
      E cosa c’è di più “esterno” della confezione? Ci sono alcuni must che bisogna seguire e a cui bisogna stare attenti quando si tratta di riconoscere un olio d’oliva di qualità. Tutti sappiamo che l’olio extra vergine necessita di essere conservato al buio e in contenitori che siano in grado di proteggerlo dalla luce, in modo tale da evitare che causi alterazioni e/o modifiche al nostro olio EVO. E qua il primo accorgimento… per riconoscere un prodotto valido bisognerà puntare su recipienti in acciaio inox o bottiglie di vetro scuro, con chiusura ermetica e possibilmente tappo anti-rabbocco. Se vi capiterà di trovare una bottiglia di extravergine trasparente, sappiate che il produttore in quel caso avrà voluto giocare più a favore del marketing, a scapito però della conservazione del suo prodotto.

 

    1. 2. Ripetiamolo insieme: “Se voglio saper riconoscere l’olio extravergine di oliva devo “sprecare” due minuti per leggere l’etichetta”. E attenzione, il nostro consiglio più spassionato è di prendere questa abitudine anche quando si esce dalla sfera del prodotto quale l’olio EVO, ovvero… spendere quei minuti per leggere l’etichetta di qualsiasi prodotto può fare e farà la differenza.
      Quindi prendete appunti e scoprite se tutte queste informazioni sono presenti sull’etichetta della bottiglia di extravergine che tutti i giorni portate in tavola: denominazione di vendita “Olio Extra Vergine di Oliva”, informazioni della categoria dell’olioOlio d’oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e con procedimenti meccanici”, designazione di origine del prodotto “Olio extra vergine di oliva ottenuto in Italia da olive raccolte in Italia” e a seguire nome del produttore, il lotto di appartenenza, l’anno di raccolta delle olive e la tabella nutrizionale.
      Se vi sarete resi conto che il vostro olio presenta questa caratteristiche sulla sua etichetta beh allora… avete fatto centro!

 

    1. 3. Per risolvere il dilemma di “Come riconoscere un olio di oliva di qualità” è buona norma avere un occhio di riguardo per l’origine delle olive e la certificazione di quel determinato olio EVO.
      Infatti, prodotti a denominazione DOP o IGP o biologici, sono sottoposti a controlli e verifiche periodiche, seguendo specifici disciplinari di produzione. Scoprire sulla vostra bottiglia di olio extra vergine la presenza dei bollini di denominazione o il simbolo di olio bio, può solo che essere un ulteriore indicatore di qualità dell’olio.
      Una breve annotazione anche per gli oli Monocultivar, ottenuti da una sola varietà di olive, elemento che può indicare ed elevare la qualità dell’olio extravergine di oliva.

 

    1. 4. Arriviamo quindi al tasto dolente per la maggior parte dei consumatori… ovvero il prezzo e nel caso dell’olio di oliva, il prezzo al litro.
      Che sia chiaro che prezzi troppo bassi sono nella maggioranza delle volte sinonimo di scarsa qualità. Se si è alla ricerca di un extravergine puro e ben fatto, bisogna diffidare quando il cartellino del prezzo mostra una cifra inferiore a 8 Euro. Una cifra molto variabile e che varia in modo non indifferente, esempio, hanno una conformazione del territorio che spesso e volentieri non permette la raccolta meccanica delle olive e anche semplicemente da regione a regione o da paese a paese. La Liguria o il Lago di Garda, per producono una quantità di olio extravergine inferiore ad altre regioni, avendo quindi prezzi più alti della media.
      Quando si fa un pensiero specifico bisogna sempre guardarlo da tutti i lati possibili: acquistare un olio economico e di scarsa qualità, non porta solo a rovinare il sapore del cibo che quotidianamente portiamo in tavola, ma tra tutto, non è neanche salutare. Bisogna quindi fermarsi un attimo e riflettere se ci conviene comprare un olio EVO da 3 euro al litro, abusarne nell’uso perché non sa di nulla o spendere qualcosa in più per avere un prodotto che metta d’accordo sapore e salute?

 

  1. 5. Possiamo riempirci sicuramente la testa di tanti piccoli accorgimenti su come saper consapevolmente riconoscere il corretto olio extra vergine ma il verdetto finale ce l’avrà sempre e solo uno: l’assaggio. Un’attenta analisi sensoriale è quello che ci vuole… la prova che il nostro olio d’oliva sia assente di difetti sotto il profilo aromatico. Sia chiaro che da corretta produzione l’olio extravergine di oliva non deve avere difetti. All’assaggio, non bisogna avere grandi titoli o corsi speciali alle spalle per capire se un olio ha i requisiti minimi per essere di qualità. Se nel momento in cui avrete tolto il tappo e vi sarete inebriati di quel profumo vegetale, di erba appena tagliata e di oliva matura, allora sarete QUASI sicuri che siete stati in grado di riconoscere il classico olio buono. Per esserne sicuri al 100% dite? Beh, si passa al gusto… un extravergine di qualità presenta note più o meno accentuate, un’armonia tra il suo piccante e l’amaro, peculiarità sui quali, nel corso della storia, si sono creati falsi miti che hanno bisogno di essere sfatati. Caratteristiche come appunto, piccante e amato sono elementi che comprovano la qualità dell’olio EVO, non il contrario. Bisogna avere l’accortezza di riconoscerli all’assaggio ed essere felici e fieri di averli incontrati durante la vostra analisi sensoriale.
    Infine l’olio extravergine di qualità lascia una bocca asciutta e pulita, non la sensazione di pastoso e di unto, tipica invece degli oli scadenti.

Dopo aver condiviso con voi la nostra guida personale su come saper riconoscere l’olio buono e non incappare in errori comuni, abbiamo un ultimo piccolo consiglio da darvi.

Se non volete preoccuparvi di analizzare così profondamente una semplice bottiglia di olio extravergine di oliva e decidete di fidarvi, allora i nostri prodotti Bonamini rispondono e sono in grado di soddisfare egregiamente tutti gli step sopra elencati.
Dop/Igp, olio bio, olio monovaritali, tutte le informazioni riguardo le olive e la produzione fuori alla luce del sole e se a questo punto, ancora non sarete convinti… vi basterà procedere con l’assaggio per essere sicuri che avrete fatto la scelta giusta, la scelta quella definitiva!

Prodotti
Newsletter
SEGUICI facebook Olio Bonamini instagram Olio Bonamini
Modalità di pagamento:
FRANTOIO BONAMINI S.R.L. - Loc. S. Giustina 9A, 37031 Verona, Italy - P.IVA 04166510232 - Privacy Policy
Credits: FutureSmart
0
Carrello